Nuovo Coronavirus, tutto quello che c’è da sapere - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

archivio notizie - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

Nuovo Coronavirus, tutto quello che c’è da sapere

 

+++AGGIORNAMENTO 25 FEBBRAIO+++

Le società sportive Ceretolese, CSI Casalecchio, G. Masi, Reno Groups e Circolo Tennis Casalecchio, tenendo conto delle disposizioni e dei chiarimenti regionali, comunicano che a partire da mercoledì 26 febbraio gli impianti sportivi da loro gestiti saranno riaperti, con le seguenti limitazioni:
- per l’attività giovanile saranno garantite le attività agonistiche, ma accompagnatori e genitori non potranno entrare e sostare all’interno degli impianti (gli atleti non potranno essere assistiti nelle zone docce e spogliatoi), mentre le attività corsistiche giovanili restano sospese fino al 1° marzo, in linea con le direttive scolastiche, garantendo un recupero nella prima settimana di giugno;
- le strutture saranno invece aperte per tutte le attività di adulti.
Ulteriori eventuali restrizioni, nel caso di attività di adulti caratterizzate da determinate patologie, saranno comunicate direttamente dalle società ai soci interessati.


ATTENZIONE Molte associazioni di volontariato stanno segnalando al Dipartimento della Protezione Civile tentativi di truffa da parte di finti volontari che telefonicamente o porta a porta propongono test domiciliari sul Coronavirus. Il Dipartimento non ha dato disposizioni di questo tipo e invita tutti a prestare attenzione.


+++AGGIORNAMENTO 24 FEBBRAIO+++

CORONAVIRUS: SCUOLE CHIUSE ED EVENTI SOSPESI DAL 24 FEBBRAIO AL 1° MARZO | Il presidente Bonaccini e il Ministro Speranza, attraverso un’ordinanza emessa in data domenica 23 febbraio 2020, hanno disposto per la Regione Emilia-Romagna la sospensione dell’attività di tutte le scuole di ogni ordine e grado, asili nido, Università, musei, manifestazioni ed eventi, procedure concorsuali. Le disposizioni, che si aggiungono a quelle delle ore scorse che sospendevano i viaggi di istruzione, sono valide dal 24 febbraio fino al 1° marzo 2020.
L’Ordinanza comprende:
- Sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato, anche di natura culturale, ludico, sportiva ecc, svolti sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico.
A questo proposito una circolare applicativa fa ulteriori precisazioni così come di seguito indicate.
SONO SOSPESE:
•    tutte quelle manifestazioni e iniziative che, comportando l’afflusso di pubblico, esulano dall’ordinaria attività delle comunità locali. Si fa riferimento ad eventi e manifestazioni di natura sportiva, culturale, sociale, civica ed economica, laddove esulino dall’ordinario esercizio delle attività stesse: manifestazioni, fiere e sagre, attrazioni e lunapark, concerti, eventi sportivi che prevedano la presenza di pubblico (campionati, tornei e competizioni di ogni categoria e di ogni disciplina) e attività di spettacolo quali rappresentazioni teatrali, cinematografiche, musicali, ecc., ivi comprese le discoteche e le sale da ballo.
NON SONO SOSPESE/CHIUSI:
•    Le attività che attengono all’ordinario svolgimento della pratica corsistica e amatoriale (corsi di varia natura e allenamenti sportivi). 
•    I luoghi di svolgimento dell’attività corsistica ordinaria di vario tipo (es. centri linguistici, doposcuola, centri musicali e scuola guida).
•    Gli impianti sportivi (centri sportivi, palestre pubbliche e private, piscine pubbliche e private, campi da gioco, ecc.), e in generale tutte le strutture quando le attività non prevedano aggregazione di pubblico o eccezionali concentrazioni di persone.
•    Le attività economiche, agricole, produttive, commerciali e di servizio, ivi compresi i pubblici esercizi e le mense, ad eccezione di quelle richiamate di pubblico spettacolo e degli eventi e manifestazioni promozionali (fiere, mercati straordinari, meeting e convegni, sfilate, ecc.) che pertanto saranno sospesi. 
•    Le attività corsistiche aziendali, laddove non comportino significative concentrazioni di persone.
•    Gli ordinari mercati settimanali.
•    Le attività di preminente carattere sociale: in via generale, attività di sostegno e supporto alle persone anziane e diversamente abili (es: servizi semiresidenziali e Centri diurni).
•    le celebrazioni di matrimoni ed esequie civili e religiose, anche in linea con le disposizioni adottate dalle diocesi della regione.
•    i centri di aggregazione sociale (circoli ricreativi, centri sociali, centri giovani, centri anziani, orti urbani, ecc.) per la parte di ordinaria attività.
Resta facoltà delle autorità territorialmente competenti disporre ulteriori e specifiche prescrizioni, laddove necessarie in ragione di particolari esigenze delle comunità locali.

Chiusura dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali,
master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani ad esclusione dei medici in formazione specialistica e tirocinanti delle professioni sanitarie, salvo le attività formative svolte a distanza. Rispetto alla chiusura dei corsi professionali, risulta in tal senso sospesa l’erogazione delle attività di formazione rivolte ad un gruppo classe, mentre i servizi per il lavoro erogati in forma individuale (quali colloqui di orientamento) potranno svolgersi regolarmente.

Sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 dei codici dei beni culturali e del paesaggio di cui al D.L. 42/2004, ad eccezione delle biblioteche, nonché dell’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso libero o gratuito a tali istituti o luoghi;

- Sospensione di ogni viaggio di istruzione sia sul territorio nazionale che estero.

- Sospensione procedure concorsuali.

Obbligo da parte di individui che hanno fatto ingresso in regione Emilia-Romagna da zone a rischio epidemiologico come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità di comunicare tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria competente per territorio per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva.
Tale circostanza va comunicata al numero verde nazionale 1500. 
Per il nostro Comune è possibile comunicare tale circostanza anche alla Segreteria del Sindaco tel. 051 598247 sindaco@comune.casalecchio.bo.it

- L’ordinanza ricorda poi le misure igieniche che le persone sono chiamate a rispettare:
•    Lavarsi spesso le mani, a tal proposito si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie, e altri luoghi di aggregazione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani.
•    Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute.
•    Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani.
•    Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce.
•    Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico
Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol.
•    Usare la mascherina solo si sospetta di essere malato o si assiste persone malate.
•    I prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi.
•    Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus

Scarica l’ordinanza completa n. 1/2020 Ministero della Salute 

La notizia sul sito della Regione Emilia-Romagna

Il Ministero della Salute ha pubblicato sul proprio sito una sezione informativa con approfondimenti e tutti gli aggiornamenti, oltre a una pagina con le risposte alle domande più frequenti

Link utili
Ministero della Salute  
Regione Emilia Romagna Salute
Azienda USL Bologna

Pubblicato il 
Aggiornato il