Coronavirus: Green Pass - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

archivio notizie - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

Coronavirus: Green Pass

 

Green Pass o Certificazione verde obbligatoria dal 6 agosto 2021 per accedere a ristoranti, cinema, teatri, palestre e altre attività al chiuso, con ulteriori obblighi dal 1° settembre 2021 per scuola, università e trasporti.

Dal 15 ottobre 2021 Green pass obbligatorio per l'accesso ai luoghi di lavoro.

Dal 6 dicembre 2021 introduzione del Super Green Pass riservato a vaccinati e guariti. Estensione del green pass anche per accedere al traporto ferroviario regionale e interregionale e al trasporto pubblico locale con controlli a campione.


Decreto Legge 26 novembre 2021 n. 172 “Misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 e per lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali”

Le principali novità del Decreto:
* estesione dell’obbligo vaccinale  ad insegnanti, esercito e forze dell'ordine.

* introduzione, dal 6 dicembre 2021, del SUPER GREEN PASS o GREEN PASS RAFFORZATO riservato solo ai vaccinati e ai guariti che permette di accedere ad attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla nei seguenti ambiti: spettacoli, spettatori di eventi sportivi, ristorazione al chiuso, feste e discoteche, cerimonie pubbliche.
Dal 6 dicembre 2021 al 15 gennaio 2022 è previsto che il Green Pass rafforzato debba essere utilizzato anche in ZONA BIANCA.
Nel caso in cui una Regione dovesse andare in zona arancione, le restrizioni varrebbero solamente per chi non ha il Super Green Pass.

* validità del Super Green Pass scende da 12 a 9 mesi.

SUPER GREEN PASS e GREEN PASS normale: differenze

La differenza principale tra Super Green Pass e Green Pass risiede nella vaccinazione:
il primo è rilasciato a chi ha completato almeno il ciclo di vaccinazione primario (due dosi, una nel caso di Johnson&Johnson) o è in possesso del certificato di avvenuta guarigione;
il secondo invece è riservato a chi ha solo effettuato un tampone negativo.

Con il SUPER GREEN PASS è possibile accedere a: ristoranti, cinema, teatri, stadi, attività sociali e ricreative in generale.

Il GREEN PASS normale sarà utilizzabile invece solo per: recarsi al lavoro, prendere mezzi di trasporto a lunga percorrenza, accedere ad alberghi, accedere agli spogliatoi per l’attività sportiva, utilizzare mezzi di trasporto ferroviario regionale, utilizzare mezzi trasporto pubblico locale, con controlli effettuati a campione.

Per approfondimenti consulta le FAQ pubblicate sul sito del Governo https://www.dgc.gov.it/web/faq.html  e la tabella delle attività consentite: solo con green pass rinforzato, con green pass base, senza green pass


Indicazioni per accedere al Municipio e alle strutture sanitarie dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021.
Informativa privacy Green Pass


Come si ottiene il Green Pass
Il certificato attesta la vaccinazione, la guarigione o il risultato negativo a un test per il Covid-19.
È disponibile in formato digitale e stampabile, viene emesso dalla piattaforma nazionale del Ministero della Salute e contiene un codice QR per verificarne autenticità e validità.

Si può scaricare tramite:
- la App Io
- la App Immuni
- la piattaforma del Governo italiano: www.dgc.gov.it
- dal proprio Fascicolo sanitario elettronico

Si può stampare in farmacia, presentandosi con il codice fiscale.


Dal 1 luglio 2021 è possibile utilizzarlo per viaggiare in Unione Europea senza sottostare alle misure di quarantena.
Ne disciplina il funzionamento il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n.143 del 17 giugno 2021.

Costituiscono certificazione verde:
* certificato comprovante lo stato di avvenuta vaccinazione contro il SARS-CoV-2 (validità 9 mesi)
* certificato comprovante l'avvenuta somministrazione della prima dose di vaccino (validità dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale)
* certificato comprovante lo stato di avvenuta guarigione dall’infezione da SARS-CoV-2 (validità 6 mesi)
* effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus SARSCoV-2 (validità 48 ore)

Dove viene richiesto
- Per partecipare alle feste per cerimonie civili e religiose
- Per accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture
- Per spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in "zona rossa" o "zona arancione"
- Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso
- Spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi  
- Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre
- Piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso
- Sagre e fiere, convegni e congressi
- Centri termali, parchi tematici e di divertimento
- Centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione
- Attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò
- Concorsi pubblici

Inoltre dal 1° settembre 2021 il Green Pass viene richiesto anche in questi ambiti:
- trasporti (spostamenti a lunga percorrenza)
- scuola (personale)
- università (personale e studenti)
Per ulteriori dettagli leggi la notizia sul sito della Città Metropolitana di Bologna

Dal 15 ottobre 2021 Green pass obbligatorio per l'accesso ai luoghi di lavoro.


Disposizioni per l'accesso al Municipio - dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021

CHI DEVE POSSEDERE ED ESIBIRE LA CERTIFICAZIONE VERDE COVID-19
Sono tenuti a possedere ed esibire la certificazione verde Covid-19 all’ingresso dei locali del Comune:
- il personale dipendente;
- i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione o di
volontariato presso il Comune, anche sulla base di contratti esterni
- i titolari di cariche elettive o di cariche istituzionali di vertice
- i visitatori che accedono a qualunque altro titolo (ad es. per lo svolgimento di una riunione o di un incontro, congresso o altro, incluse le autorità politiche o i componenti delle giunte e delle assemblee delle altre autonomie locali e delle Regioni).

CHI È ESCLUSO DALL’OBBLIGO DI POSSEDERE ED ESIBIRE LA CERTIFICAZIONE VERDE COVID-19
Dall’obbligo sono esclusi:
- i soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della Salute; per questi soggetti il controllo sarà effettuato mediante lettura del QRCODE in corso di predisposizione. In attesa del rilascio, i titolari di cariche elettive o di cariche istituzionali di vertice ed i visitatori esenti dalla campagna vaccinale, dovranno esibire certificazione medica attestante l’esenzione;
- gli utenti che si recano presso gli uffici comunali per l’erogazione dei relativi servizi.

INCARICATI DEL CONTROLLO
Le funzioni di controllo sono svolte dai Dirigenti di Area, datori di lavoro individuati ai sensi del D.Lgs. 81/2008 o da loro incaricati, delegati con atto scritto.

Decreto legge - Linee guida in materia di condotta delle pubbliche amministrazioni


Accesso a strutture ospedaliere e sanitarie
Con una nota, la Regione Emilia-Romagna precisa le regole di accesso per visitatori e accompagnatori alle strutture sanitarie.
- Chi dovesse accompagnare o andare in visita a un paziente in ospedale o in pronto soccorso, dovrà esibire il GREEN PASS
- RSA: nessuna modifica invece per l’accesso alle RSA rispetto a quanto già previsto
- Accompagnatori di disabili: per quanto riguarda gli accompagnatori dei pazienti disabili gravi (ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge n. 104/1992), l’assistenza è sempre consentita, anche nei reparti di degenza, nel rispetto delle indicazioni del direttore sanitario della struttura.

Eccezioni
Alcune eccezioni sono previste per l’accesso di
visitatori/accompagnatori under 12 – al momento esclusi per età dalla campagna vaccinale
persone con disabilità fisica, psichica o cognitiva non certificata che ne richiedono il supporto
- una persona di riferimento in sala parto per assistere la donna partoriente.
Potranno accedere dopo valutazione da parte della Direzione Sanitaria anche prevedendo eventuali soluzioni organizzative (ad es. l’esecuzione del tampone).

In tutti i casi deve comunque sempre essere compilata dall’accompagnatore / visitatore / caregiver l’autodichiarazione che indichi negli ultimi 14 giorni l’assenza di sintomi legati al COVID-19 (es. febbre, tosse, difficoltà respiratorie, assenza di gusto e olfatto, ecc), di contatti con persone positive o sospette positive al virus e di non essere sottoposti a quarantena.

Viene confermata l’organizzazione dei flussi dell’utenza già prevista in tutti gli ospedali e viene ribadito il rispetto delle norme igienico-comportamentali previste, quali la misurazione della temperatura corporea, l’utilizzo della mascherina chirurgica, la frizione delle mani con gel idroalcolico e il mantenimento della distanza di almeno un metro dagli altri pazienti, visitatori od operatori.

Non è richiesto Green Pass per chi si deve recare a una visita medica per sé.


SANZIONI
I titolari o i gestori dei servizi e delle attività autorizzati previa esibizione del Green pass sono tenuti a verificare che l’accesso a questi servizi e attività avvenga nel rispetto delle prescrizioni.
In caso di violazione può essere elevata una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro sia a carico dell’esercente sia dell’utente. Qualora la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni.

Pubblicato il 
Aggiornato il