La comunità solare - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

Eventi - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

La comunità solare

Giovedì 1 marzo, con inizio alle ore 20,45, presso la Casa per la Pace La Filanda, in via Canonici Renani 8, si terrà un incontro di presentazione del progetto della Comunità Solare. Saranno presenti Beatrice Grasselli, Assessore all'Ambiente e Leonardo Setti, Coordinatore progetto SIGE, Università di Bologna, Dipartimento di Chimica Industriale.


Si tratta di un progetto per la gestione integrata dell'energia che intende rafforzare il valore della partecipazione coinvolgendo i cittadini nel ruolo di soggetti responsabili degli usi energetici e della cultura del risparmio. Il progetto è stato avviato in collaborazione con l'Università di Bologna e con la consulenza scientifica del professor Leonardo Setti e ha ottenuto, assieme ai Comuni di Casalecchio di Reno, San Lazzaro di Savena, Sasso Marconi, Mordano, Ozzano dell'Emilia e Medicina, un finanziamento da parte della Regione Emilia Romagna di 618.000 euro.

Il cittadino in questo progetto diventa soggetto attivo, al fine di creare un contesto in cui l'energia possa diventare un bene comune e uno strumento per rafforzare la rete socio-culturale di una comunità. Sono già in corso i lavori che porteranno alla installazione, su una quindicina di tetti di edifici pubblici, di impianti fotovoltaici, producendo anche un intervento di manutenzione straordinaria dei tetti, il tutto per un valore di circa 400.000 euro.


Beatrice Grasselli, Assessore all'Ambiente, dichiara che "la creazione della comunità solare è un progetto completamente innovativo che rafforza il valore del senso della partecipazione alla vita pubblica: attraverso la comunità solare, a cui ognuno potrà aderire, il cittadino diventa un attivo coautore delle politiche locali. La comunità solare è quindi uno strumento per condividere la pianificazione, per raggiungere gli obiettivi della direttiva europea del 2020, per ottenere l'autosufficienza energetica del cittadino e soprattutto per creare un nuovo modello di Conto energia a livello locale. L'energia in questo modo, da costo aggiuntivo diventa risorsa per il cittadino e per la sua comunità, un modo per creare nuove e concrete opportunità economiche e professionali e una possibile via d'uscita alla crisi".

Pubblicato il 
Aggiornato il