Piani di Zona per la salute e il benessere sociale - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

UFFICIO DI PIANO  >  Piani di zona per la salute e il benessere sociale - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::


 


Ufficio di Piano Distretto di Casalecchio di Reno

Piani di Zona per la salute e il benessere sociale


 

Cos'è il Piano di Zona per la salute e il benessere sociale

Il Piano di Zona per la salute e il benessere sociale (PdZ) è una sorta di "piano regolatore"del sociale.

Si tratta di un documento triennale che individua gli interventi, i progetti prioritari ed i Servizi sociali che devono essere forniti nel territorio distrettuale.


Il Distretto socio-sanitario di Casalecchio di Reno è costituito da 5 Comuni (Casalecchio di Reno, Monte San Pietro, Sasso Marconi, Valsamoggia, Zola Predosa) e il Piano di Zona ne costituisce il documento di programmazione dei progetti e delle azioni sociali e socio-sanitarie da realizzare a favore dei cittadini.

 

Il Piano di Zona è un documento "scritto a più mani": tecnici e amministratori dei Comuni, dell'Azienda Sanitaria Locale, dell'ASC InSieme, operatori delle associazioni, delle cooperative sociali, del volontariato e dei sindacati che operano sul territorio si incontrano periodicamente, durante l'anno, per discutere sulle problematiche sociali esistenti, per esaminarle e per individuare possibili interventi aggiuntivi oltre a quelli più tradizionali posti in essere dalle amministrazioni comunali. Definite le priorità di intervento, vengono individuate le azioni da compiere, e quindi i Servizi, gli interventi ed i progetti da realizzare. Per ogni azione, progetto, intervento, vengono definite le risorse economiche da utilizzare. Il finanziamento del sistema dei servizi sociali, infatti, avviene grazie al confluire di risorse provenienti da: contributi della Regione Emilia-Romagna, bilanci dei Comuni, bilanci dell'Azienda Sanitaria Locale, contributi delle fondazioni bancarie o di altri soggetti (associazioni, volontariato, parrocchie, ...).

Il Piano di Zona ha durata triennale e, ogni anno, viene declinato mediante un Programma attuativo annuale, che permette di focalizzare sulle azioni da realizzare durante l'anno di riferimento, in relazione alle priorità e agli obiettivi del documento triennale.

 

L'ultimo Piano di Zona approvato si riferisce al triennio 2009-2011.

Con Delibera di Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 62/2011, la validità del documento triennale è stata prorogata per l'annualità 2012.

Successivamente, con Delibera di Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 117/2013 ne è stata ulteriormente prorogata la durata per le annualità 2013 e 2014. 

 

A partire dal Programma attuativo del 2013, su indicazione della Regione, si è passati da una programmazione basata sui target di intervento consuetudinari (famiglie e minori, giovani, anziani, disabili, povertà ed esclusione sociale, immigrazione e intercultura) ad una programmazione declinata sui seguenti macro-obiettivi:

- impoverimento: affrontare la crisi e contrastare povertà ed esclusione sociale;

- immaginare e sostenere il futuro;

- riconoscere e valorizzare il crescente contesto pluriculturale;

- sostenere il sistema dei Servizi.

 

 

All'interno del Programma attuativo è contenuta, inoltre, la programmazione dei Fondi per la non autosufficienza e la descrizione del fabbisogno distrettuale dei servizi socio-sanitari accreditati.

 


Materiali da scaricare


link1 PdZ Triennio 2009 - 2011 e annualità integrative: 2012, 2013 e 2014 

 

pdf Profilo di comunità 2013

 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il