Gestione delle emergenze - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

 Protezione Civile  >  Gestione delle emergenze - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

La gestione delle emergenze

La gestione dell'emergenza, nell'eventualità di un vento calamitoso, avviene attraverso fasi distinte di allertamento ad ognuna delle quali corrispondono scenari di attività differenti:

fase di normalità
gestione della normale routine,  presa in carico,  verifica e smistamento delle segnalazioni

fase di attenzione
rafforzamento dei turni di servizio presso l’Ufficio comunale di protezione civile, con copertura di orario adeguata alla gestione delle informazioni in arrivo; comunicazione della situazione attesa al Personale delle Forze dell’Ordine e alle Organizzazioni di Volontariato locali; apertura dei canali di collegamento informativo opportuni; verifica del funzionamento delle procedure di informazione e comunicazione con la Prefettura e gli altri Organismi della Protezione Civile; verifica e monitoraggio in sito dell’oggetto della segnalazione; valutazione e ricerca informazioni (ad es. dati meteo); verifica dello scenario di rischio.

fase di preallarme
Anche questa fase è presente solo se si tratta di un evento prevedibile e si attiva in caso la situazione avversa peggiori o persista nel tempo. Il “comando” della struttura operativa attiverà il Centro Operativo Comunale, definendo il luogo e convocando i soggetti che ne fanno parte. Verranno rafforzati i presidi di monitoraggio nei punti ritenuti maggiormente critici e, verificando sempre gli scenari di evento, si procederà ad informare la popolazione potenzialmente coinvolta, senza creare inutili allarmismi e seguendo una procedura predefinita. L’opera di informazione avviene sia per ricordare modelli comportamentali di autoprotezione che per predisporre un’eventuale evacuazione, laddove le circostanze siano tali da richiederla.
Per realizzare queste attività dovrà essere attivata sia la struttura interna dell’apparato comunale che il Volontariato, oltre ad altri soggetti eventualmente interessati (come gli Enti gestori di servizi)

fase di allarme
Questa è la fase di emergenza vera e propria e spesso un evento di protezione civile si manifesta già in questa fase, senza “segni premonitori”. Per questo motivo, le azioni precedentemente descritte andranno realizzate contemporaneamente a quelle tipiche di un’emergenza: ovvero la messa in sicurezza della popolazione, la mitigazione dei danni e delle situazioni di pericolo, la gestione delle strutture operative e di protezione civile. così, laddove necessario, si predisporrà l’evacuazione delle persone in pericolo e, allo stesso tempo, verranno allestite le aree di attesa (meeting point) ed, eventualmente, quelle di ricovero. Per realizzare queste attività e per permettere l’arrivo di mezzi e personale per il soccorso e il ripristino di eventuali danni, sarà necessario impiegare personale e/o forze dell’ordine nella gestione della viabilità. Nel frattempo sarà necessario predisporre gli strumenti per mitigare i danni, attraverso l’emanazione di ordinanze e gli interventi di ripristino (come ad esempio la rimozione di macerie), così da permettere una prima valutazione e censimento dei danni che, tramite apposite schede, andrà comunicato alla Autorità competente.

Se l'evento si manifesta senza preannuncio si passa immediatamente alla fase di allarme

Squadre di intervento
Squadra Alfa:
supporto tecnico logistico – prima squadra d’intervento per ogni calamità
Squadra Beta: supporto tecnico di valutazione in caso di edifici pericolanti, crolli o dissesti, censimento danni alle cose ed alle persone
Squadra Charlie: supporto viabilistico
Squadra Delta: interventi di assistenza sanitaria
Squadra Echo: interventi di mobilitazione e trasporto di persone
Squadra Foxtrot: interventi di scavo, rimozione detriti, posizionamento segnaletica, tecnici specialistici, ricostruzioni e riparazioni d’emergenza
Squadra Golf: gestione del magazzino delle attrezzature e del personale della ditta Adopera
Squadra Hotel: valutazione scientifica dell’evento e studi di intervento per contenere e contrastare il fenomeno
Squadra India: interventi generici e specialisti di supporto
Squadra Juliet: funzionamento dei servizi informatici e di telecomunicazione
Squadra Kilo: fornitura di pasti ed approvigionamenti alimentari e altri generi di conforto, organizzare gli alloggiamenti
Squadra Lima: radio comunicazioni
Squadra Mike: sommozzatori
Squadra November: cinofili da soccorso
Squadra Oscar: antincendio
Squadra Papa: emergenza neve e ghiaccio
Squadra Quebec: emergenza ambientale e veterinaria

 

 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il