motore di ricerca

prova123 - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

PROVA  >  prova123 - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

Rigenerazione Urbana Garibaldi
1. Presentazione 
Tra febbraio 2017 e marzo 2019 il Comune di Casalecchio ha sviluppato e concluso un percorso di partecipazione al fine di raccogliere idee, suggestioni e contributi per la rigenerazione dello “spazio pubblico” retrostante l’ex-poliambulatorio di via Garibaldi 17.
L'intervento complessivo prevede, da una parte, la demolizione e ricostruzione del fabbricato privato dismesso, riducendone il sedime, dall’altra, il progetto di riqualificazione degli spazi pubblici retrostanti l’edificio con l’obiettivo di destinarli a nuove funzioni al servizio del quartiere, contribuendo a dare una nuova identità e centralità a questo luogo.
2. Fasi del progetto 
Il percorso partecipato si è composto di diverse fasi. Due incontri-laboratori - secondo la metodologia del planning for real - nel mese di febbraio 2017 che hanno coinvolto cittadini, amministratori pubblici, le scuole Marconi, il Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze e altri stakeholders per individuare gli elementi principali che questo nuovo spazio pubblico doveva cogliere.
In particolare, dagli incontri pubblici di partecipazione sono emersi come elementi da tenere in considerazione il riconoscimento dell’area come nodo urbano tra le diverse polarità del centro cittadino, la richiesta di qualificazione dello spazio verde di pubblica fruizione, anche al servizio del plesso scolastico che vi si affaccia, la necessità di individuare comunque spazi di parcheggio e definire i collegamenti pedonali e ciclabili con il contesto. Queste suggestioni sono state colte e inserite all’interno del concorso aperto dal 31 luglio all’8 ottobre 2018 attraverso il quale il Comune, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Bologna, mirava a selezionare la migliore proposta progettuale preliminare relativa all’intervento di “Rigenerazione urbana degli spazi pubblici dell’isolato posto fra le vie Garibaldi, Mameli e Cavour” e a individuare i progettisti - architetti ed ingegneri su scala nazionale e internazionale - che avrebbero eseguito i successivi livelli di progettazione. Tutto il materiale del concorso è stato pubblicato sia sulla piattaforma online dell’Ordine degli Architetti di Bologna all’indirizzo https://www.concorsiarchibo.eu/ sia nella sezione Avvisi pubblici del sito del Comune di Casalecchio di Reno www.comune.casalecchio.bo.it.
3. Conclusione del percorso 
I 19 progetti partecipanti al concorso sono passati da una preselezione affidata a una giuria tecnica; la scelta tra i 5 progetti selezionati è stata invece demandata a una giuria popolare con 35 partecipanti tra cittadine e cittadini e rappresentanti di categorie interessate con il compito di verificare la rispondenza delle proposte progettuali agli obiettivi posti dal progetto partecipato.
IIl 26 marzo 2019, presso la Casa della Conoscenza – Spazio La Virgola, si è svolta la presentazione/premiazione del progetto vincitore e degli altri progetti premiati.
Primo posto
Progetto presentato dagli ingegneri Giacomo Rubin e Tommaso Grassi e dagli architetti Gabriele Cavoto e Sara Malagoli.
Secondo posto
Progetto presentato dagli architetti Oscar Ravazzi, Federica Ravazzi ed Elena Dorato  
Terzo posto
Progetto proposto dagli architetti Leonardo Tedeschi, Luca Vandini e Annalaura Ciampi e dagli ingegneri Andrea Ferraresi e Antonio Galotto 
Menzione speciale della giuria tecnica "per il valore evocativo e di suggestione della composizione" Progetto degli architetti Alberto Corrado, Francesca Zalla e Giacomo Infelise
4. Il progetto vincitore 
Elemento distintivo del progetto scelto è la "linea", una sequenza di pali metallici bianchi di altezza variabile che distingue in modo visibile, senza separarle come un confine, la viabilità e gli stalli di sosta lungo via Cavour dalla nuova area che, con la pedonalizzazione di via Mameli e la connessione con l'ingresso delle scuole "G. Marconi", si propone come spazio pubblico "interconnesso aperto e contaminato" in una zona nevralgica della città..
Il nuovo spazio pubblico prevede verso sud e verso ovest un prato attrezzato e una area gioco permeabile, mentre a nord e a est, verso le strade e gli edifici riqualificati a partire dall'ex poliambulatorio, sorgeranno un teatro con una gradinata sopraelevata che sfrutta l'inclinazione della rampa diretta ai parcheggi sotterranei, una piazza e un'area sport, pensati per garantire una continuità urbanistica con l'area verde della "ex Mantel" dall'altro lato di via Garibaldi.
Pubblicato il 
Aggiornato il