Contrasto al gioco d'azzardo - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

Welfare e benessere sociale  >  Contrasto al gioco d'azzardo - ::: COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO (BO):::

Contrasto al gioco d'azzardo

Nel contrasto alle ludopatie numerose sono le azioni messe in campo dal Comune di Casalecchio di Reno, in collaborazione con AUSL, ASC InSieme, mondo della scuola, del lavoro e dell’associazionismo.

Che cosa fa il Comune
Casalecchio di Reno è tra i Comuni promotori della legge di iniziativa popolare  1000 Sindaci contro il gioco d’azzardo per chiedere maggiore potere d’intervento ai Sindaci per limitare la diffusione del fenomeno.

Divieto di pubblicità discriminatorie, razziste, sessiste, di diffusione del gioco d'azzardo
Con la Deliberazione di Giunta 6/2016 Linee di indirizzo in materia di pubblicità discriminatoria, lesiva della dignità della persona o finalizzata alla promozione del gioco d’azzardo, l’Amministrazione comunale ha deciso di vietare l’affissione sui propri spazi pubblicitari di attività legate al gioco d’azzardo o che veicolino un messaggio sessista o comunque volgari e che danneggino la dignità di una persona.
Le linee di indirizzo approvate sono trasmesse sia al concessionario delle affissioni pubbliche sia ad altri utilizzatori degli impianti per la pubblicità. Se le prescrizioni non vengono rispettate, il Comune si riserva la possibilità di revoca delle autorizzazioni concesse e di rivalsa per ogni costo che debba sostenere a causa di esposizioni pubblicitarie difformi alle prescrizioni enunciate, ad esempio per la rimozione dei messaggi.
Chi detiene slot inoltre, oltre a non comparire sui cartelloni pubblicitari, non avrà spazio nè sui periodici comunali nè sui materiali promozionali di eventi realizzati in collaborazione con il Comune.


Libri per gioco 
20 maggio 2017 - Spazio ECO
Presentazione del progetto di contrasto al gioco d'azzardo, promosso dalla Regione Emilia-Romagna e da Avviso Pubblico
A cura dell'Amministrazione Comunale di Casalecchio di Reno, di Avviso Pubblico e dell'Unione dei Comuni Valli del Reno Lavino Samoggia, con le testimonianze degli esercenti che hanno aderito al progetto
Libri per gioco vuole stimolare l'adesione al marchio SlotFreeER e la trasformazione degli spazi dedicati al gioco d'azzardo all'interno delle attività commerciali del territorio dell'Unione in punti di incontro e book crossing.
L'obiettivo è creare un circuito virtuoso di promozione che generi interesse nei confronti dei cittadini e contribuisca ad aumentare il flusso di clienti verso le attività che scelgono di non installare e/o dismettere le slot machines.
Negli esercizi pubblici aderenti con una consumazione si può chiedere un Gratta e leggi e vincere dei libri.
 Volantino esterno  - Volantino interno 


Smetto quando voglio, l'illusione e le regole del gioco
30 maggio 2016 - Sala Consiliare del Municipio di Casalecchio di Reno
Convegno promosso da Avviso Pubblico e Comune di Casalecchio di Reno sul contrasto al fenomeno del gioco d'azzardo patologico, con esperienze locali a confronto e scenario nazionale. Numerosi gli interventi fra i quali quelli di Marilena Fabbri (membro intergruppo Camera-Senato sul gioco d'azzardo), Stefano Vaccari (Commissione parlamentare d'inchiesta sul fenomeno delle mafie), Pierpaolo Romani (Coordinatore nazionale di Avviso Pubblico).

Programma completo del convegno -  Registrazione video dell'evento 

Slide

Non è un gioco - intervento dell'onorevole Marilena Fabbri

Mettiamoci in gioco - intervento di Maria Cristina Perilli

Intervento dell'assessore Massimo Masetti 



Azioni di prevenzione sui luoghi di lavoro

È stato firmato il  protocollo d'intesa Al lavoro non t'azzardare  tra l'Unione dei Comuni della Valli del Reno, Lavino e Samoggia, l'Azienda USL Distretto di Casalecchio di Reno, il Dipartimento di Salute Mentale - Dipendenze patologiche-SERT, l'Azienda Speciale Consortile Insieme e le organizzazioni sindacali confederali CGIL, CISL e UIL, per la realizzazione di un progetto pilota finalizzato alla prevenzione e contrasto delle dipendenze patologiche da gioco d'azzardo.



Attività nelle scuole

Ha preso il via il 22 febbraio 2016  Azzardo: se questo è un gioco..., il progetto di prevenzione e contrasto al gioco d’azzardo “malato” rivolto a tutti gli Istituti superiori del territorio, coordinato da AUSL e LInFA.

Il progetto prosegue anche nell'anno scolastico 2016/2017 con  Fate il nostro gioco .



Attività di sensibilizzazione nei luoghi di aggregazione

Nei centri sociali vengono organizzati incontri per diffondere la consapevolezza sui danni provocati dal gioco in collaborazione con il Centro per le Vittime
Il 21 marzo 2016 al Centro Sociale Villa Dall'Olio si è tenuto l'incontro  Non è solo un gioco.
 



Gruppi di Auto Mutuo Aiuto e altre informazioni utili per giocatori e famiglie

Alla Casa per la Pace La Filanda si riunisce un  Gruppo di Auto Mutuo Aiuto per sostenere chi soffre di ludopatia.

Altri gruppi, sempre coordinati dall'AUSL Bologna - sono presenti sul territorio.
Gruppi di Auto Mutuo Aiuto sulle ludopatie nel territorio dell'AUSL Bologna.

GAP - Una mappa di risorse a Bologna e Provincia 
Brochure informativa per l’aiuto, l’assistenza e la terapia del giocatore d’azzardo e della sua famiglia Progetto Familiari informati e sostenuti programma P.R.I.S.M.A. 2014
 Maggiori informazioni



Azioni rivolte alle attività commerciali

Per le attività commerciali che dismettono le slot machine è possibile richiedere il marchio  SlotFreeER nell’ambito della campagna promossa dalla Regione Emilia-Romagna. A loro sono destinate agevolazioni sulla TARI. Inoltre sono allo studio azioni di promozioneper chi converte lo spazio adibito a slot in altra attività (Bando Regione Emilia-Romagna), ad esempio in spazi per il book crossing, spettacoli, ecc.

Specifiche norme all’interno del  Piano Strutturale Comunale  e del Regolamento Urbanistico Edilizio, approvati in Consiglio comunale il 26 maggio 2016, limitano o impediscono le aperture di nuove sale slot (ad es. disponibilità parcheggi dedicati), con il supporto della Legge Regionale 5/2013.

È stata emessa  l'ordinanza 99/2016 che prevede limiti agli orari di gioco alle slot: dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 17 alle ore 22.

Le attività commerciali che gestiscono slot o altre forme di gioco d’azzardo, non possono ottenere patrocinio per le loro attività, non possono realizzare progetti in partnership con l'Amministrazione comunale e non possono partecipare ai bandi emessi dal Comune.



Riferimenti normativi

Regione Emilia-Romagna, Legge Regionale 4 luglio 2013, n. 5 - Norme per il contrasto, la prevenzione, la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d'azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate  

Regione Emilia-Romagna, Legge Regionale 28 ottobre 2016, n. 18 - Testo unico per la promozione della legalità e per la valorizzazione della cittadinanza e dell'economia responsabili 

Pubblicato il   martedì 17 maggio 2016

Pubblicato il 
Aggiornato il